Food&Wine

23 novembre 2018 CIOCCOLATO & TORRONE, E LA NOCCIOLA?

Barbero, Bodrato, Durando...e il Monferrato è più dolce

Ci sono tanti detti popolari e tante filastrocche che in poche parole sintetizzano un concetto o una morale o una storia. Mi viene in mente ad esempio il modo di dire tanto usato "nasce nell'acqua e ha da morire nel vino", un chiaro riferimento al riso che nasce nelle risaie del vercellese il cui miglior abbinamento, una volta cucinato, è con un buon vino rosso, magari una Barbera d'Asti superiore.

Nel momento in cui scrivo questo blog non mi vengono in mente frasi o citazioni simili per la nocciola, ci saranno sicuramente!, ma solo un unico fil rouge: la nocciola è...torrone e  cioccolato! o meglio ancora la nocciola sono la "Torroneria e Cioccolateria Barbero" di Asti e la "Bodrato Cioccolato Artigianale" di Novi Ligure. Aggiungiamo ancora un dettaglio: la nocciola, quella buona, perfetta, profumata è quella dei "Fratelli Durando" di Portacomaro.

La nostra storia quindi si arricchisce di elementi o meglio di attori e di uno scenario, il Monferrato.

Tre aziende familiari, tre stili diversi, che da generazioni si impegnano a fare della qualità il proprio strumento di marketing, ma prima ancora una filosofia di vita. Storie che partono da lontano.

Quella di Barbero, ultima fabbrica rimasta nel centro storico di Asti, disposta su due piani dove la tecnologie stenta a voler prendere il posto alla tradizione perchè gli antichi macchinari e l'esperienza dell'operaio fanno ancora la differenza. Il vecchio bancone in legno dove ancora oggi vieni servito, quella sala dove i cimeli di un tempo, e un sapiente lavoro di packaging, unito al profumo e agli aromi del laboratorio ti portano in un'altra epoca, quella della nonna Paola, figlia di un mito del ciclismo: il famoso Diavolo Rosso.

C'è poi la storia dei Bodrato che nasce a Genova nel 1943 È una piccola bottega dalle grandi ambizioni, aperta nel retro della caffetteria di quartiere. Negli anni ’70 il trasferimento in Piemonte, a Capriata d’Orba, il paese natale di Luciano, ma anche principale polo dolciario del nord ovest Italia. Questa zona del Piemonte, dalle rinomate tradizioni gastronomiche, favorisce l’azienda nel raffinare l’arte di fare cioccolato e lo sviluppo nel corso dei decenni. La svolta avviene nel 2001 quando il laboratorio Bodrato viene acquisito dai fratelli Bergaglio, anch’essi originari di Capriata d’Orba. I nuovi titolari, spinti da forti capacità innovative, riescono a conciliare le antiche e pregiate ricette di un tempo con sperimentazioni contemporanee trasformando un piccolo laboratorio in un’azienda dolciaria di qualità. Oggi, la produzione si è spostata a Novi Ligure, sono un'azienda affermata e moderna, ma il prodotto rimane quello dell'antica bottega.

Abbiamo lasciato per ultimo la nocciola forse perchè è il prodotto base di tanti altri o forse perchè la storia della famiglia Durando, per chi vi scrive, è quella a cui affettivamente ci si sente più legati. Il pensiero va immediatamente al capostipide della famiglia, Italo Durando, per tutti il "Maestro" perchè a capo della banda musicale del Paese dal 1947 al 2001.

Poi la storia, e l'attualità, hanno imposto il marchio dei Fratelli Durando sulla produzione del Grignolino d'Asti, anche se negli anni è diminuita ancora oggi si sentono frasi del tipo "un grignolino vero? quello dei Durando", poi sulla produzione di uova da galline allevate a terra.

Da alcuni anni l'azienda si è riconvertita sulla filiera della nocciola.

Nel laboratorio tra le vigne puoi partecipare al ciclo del prodotto e in poche ore vedere la nocciola sgusciata, pulita, tostata e poi diventare la migliore delle creme. Tutto naturale...tutto vero.

A duecento metri dal cuore dell'Azienda da quattro anni hanno aperto l'Agriturismo Terra d'Origine: un'esperienza per cibo e accoglienza. Il panorama di cui puoi godere è unico, il più grande vigneto di tutto il Piemonte, oltre cento ettari...un anfiteatro mozzafiato.

Difficile a questo punto del racconto dare dei suggerimenti su un prodotto piuttosto che l'altro. Tutto ottimo, tutto colorato, elegante e ricercato.

Sono esperienze che Sistema Monferrato può far vivere in prima persona in uno dei suoi tanti tour: conoscere i proprietari, in alcuni casi partecipare alle lavorazioni, vedere fontane di cioccolato o mani veloci che incartano cioccolatini o torte, vedere la lavorazione del torrone o la produzione delle uova di Pasqua: ecco questa è un'esperienza, un'emozione.

Scegliere il tuo uovo di cioccolato, mettere dentro il regalo che vuoi far trovare all'amata, chiudere gli occhi e pensare all'emozione di quando lo troverà.

Qualche consiglio però ve lo voglio dare, un mix forse di golosità e di ricordi:

1) le fette di torrone, mettile nel surgelatore...e dopo qualche ora....me lo direte voi!

2) i gandujotti? quelli amari senza il latte

3) la crema di nocciola? quella al 60%...prendetene due barattoli almeno!

E se queste esperienze le vuoi vivere in prima persona, scrivici e ti porteremo nel mondo dei balocchi e dei dolci: info@sistemamonferrato.it

Condividi

Commenti (0)
Nessun commento.
Per lasciare un commento devi essere registrato .