Eventi

4 settembre 2019 Dal Monferrato in Valle Bormida...e poi ancora un tuffo in Riviera

Con l'arrivo dell'autunno la natura si trasforma e viaggiare tra Piemonte e Liguria è ancora più sorprendente

Come vi abbiamo già raccontato nelle ultime settimane noi di Sistema Monferrato amiamo le sfide e le contaminazioni, scoprire realtà sempre nuove e proporre eventi, anche di approfondimento, in luoghi meravigliosi. Mai fermi, sempre in movimento.

Le nostre proposte turistiche, per il tour di giornata o per le vacanze iniziano e finiscono sempre in Monferrato ma spaziano in Lomellina, fino ai Navigli, e in Riviera verso le spiagge di Alassio che ora, a fine stagione, sono più belle e romantiche che mai!

 

Organizza il tuo soggiorno con Sistema Monferrato: info@sistemamonferrato.it

 

Oggi vogliamo accompagnarvi in un viaggio verso la Valle Bormida, dove il fondersi tra due regioni, Liguria e Piemonte, si percepisce in ogni cosa, dalla cultura alla gastronomia, dalle tradizioni al dialetto; perfino l'aria sa di mare.

Il nostro consiglio? in auto fino a Lerice e poi nolleggia una bike...meglio una e-bike!

 

Dal 21 al 29 settembre in Valle Bormida i comuni di Levice, Bergolo e Monesiglio propongono una settimana di eventi culturali davvero interessanti. Sono tutte realtà con meno cittadini di un palazzone metropolitano, insieme non arrivano a 1000 abitanti e il più piccolo ne conta 56. In questa settimana saranno coinvolti oltre cinquanta tra artisti, esperti e giovanissimi architetti di fama internazionale. Incontri e workshop, orientati alla valorizzazione e al riutilizzo di alcuni spazi iconici, come l'ex discoteca Baia Blanca, animeranno questo fazzoletto di terra sospeso tra mare e colline, coinvolgendo la popolazione e i visitatori.

Si inizia sabato 21 settembre (9,30-21,30) con “Percorsi dell’arte, spirito dei luoghi” una doppia personale degli artisti Dario Neira ed Enrico Tealdi, a cura del Comitato Matrice, per scoprire, grazie alle installazioni artistiche, luoghi della ritualità religiosa rupestre, spazi inaspettati, non sempre accessibili e poco conosciuti agli stessi abitanti della Valle Bormida, ma che valgono un viaggio. Da segnalare anche Pianpicollo Research Residency_2019, che presenterà il progetto "Semi di suono".

Il collettivo di curatrici d'arte "a.titolo" porterà invece a Levice il progetto pilota Ricettario guidato da un giovane team internazionale di progettazione partecipata (Orizzontale con Collectif ETC) impegnato in un workshop dal 22 al 28 settembre, segnando l’avvio della trasformazione dell’ex discoteca Baia Blanca in uno spazio multifunzionale a servizio della collettività. La Baia Blanca è un raro esempio in Italia di discoteca all’aperto di proprietà comunale che un tempo attirava migliaia di persone nei fine settimana estivi; per anni abbandonato, ora può trasformarsi assecondando le mutate esigenze della popolazione e continuando a puntare sulla cultura come volano per la rigenerazione della Valle Bormida.
 

Ricco il programma del 27 settembre. Il programma prevede una prima sessione di interventi dedicati al fenomeno delle residenze d’artista e al loro potenziale di rivitalizzazione dei territori e dei legami di comunità. Intervengono: Alice Benessia, artista, ricercatrice e ideatrice del Center for Research in the Arts and the Sciences di Pianpicollo Selvatic, Maurizio Cilli, architetto, artista e ricercatore urbano, Rebecca De Marchi, architetta e artista,  Emanuele Piccardo, fotografo, storico e critico dell’architettura e ideatore del progetto Nasagonandoi, Stefano Boccalini, artista e docente di arte pubblica alla NABA di Milano, Andrea Bocco, Professore del DIST Politecnico, già direttore dell’Agenzia di sviluppo locale di San Salvario. Dalle 17.00 è invece in programma la seconda sessione, moderata da Otto Bugnano di Matrice, che trae ispirazione dall’omonimo progetto dedicato alla “questione nazionale” delle aree interne, con la presenza di Filippo Barbera, docente di sociologia presso il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino. Intervengono: Giovanna Segre, economista della cultura, Marco Bussone, presidente Uncem, Don Luca Peyron e Ivan Andreis della CaritasValentina Dania della Fondazione CRC.

Sabato 28 settembre dalle 14 alle 19 alla Baia Blanca si tireranno le fila di una settimana di Ricettario con realtà operanti su scala locale, nazionale e internazionale, chiamate a raccontare il loro approccio informale e performativo ai temi della trasformazione e del riuso di spazi ed edifici dismessi tramite progetti di arte, architettura e design.

Accanto a Maxence Bohn e Florent Chiappero del Collectif Etc, ospiti internazionali del format, interverranno Giulia Cantaluppi e Matteo Persichino di temporiuso.net, associazione attiva da anni a Milano, la cui azione si basa sulla convinzione che il riuso temporaneo del patrimonio edilizio inutilizzato possa attivare processi virtuosi di sviluppo locale e funzionare da connettore di pratiche progettuali e sociali, Laura Sottovia e Lorenzo Serra dell’Associazione Parco Culturale Alta Langa di Monesiglio, con Banca del Fare, progetto che si prefigge di contrastare la marginalità dei paesi e delle comunità dell’Alta Langa promuovendo la conoscenza e la salvaguardia del territorio e del paesaggio costruito anche attraverso percorsi di alta formazione volti alla trasmissione delle tecniche edilizie tradizionali, coadiuvata da Andrea Bocco in qualità di docente esterno del progetto.

La discussione darà forma al primo capitolo di una pubblicazione, il Ricettario, “manuale pratico delle tecniche per un’architettura collettiva”, a cura di Orizzontale.

A ciascuna realtà ospite sarà richiesto di contribuire anche con una “ricetta” gastronomica, la cui preparazione, affidata alla Pro Loco, sarà condivisa con il pubblico.

 

La settimana si chiude Domenica 29 settembre  dalle 16 alle 20 con Happy Days un evento di puro loisir pronto a rievocare l’originale vocazione della Baia Blanca. Un raduno di auto e di vespe d’epoca, insieme alle pin-up, saranno di contorno a una band dal vivo che suonerà musica anni Cinquanta nel concentrico del paese e alla Baia Blanca. Grazie al coinvolgimento della Pro-loco si potranno gustare hamburger rigorosamente con carne di fassona piemontese, così da coniugare lo spirito di un tempo con la promozione della gastronomia locale.

 

Organizza il tuo soggiorno con Sistema Monferrato: info@sistemamonferrato.it

Condividi

Commenti (0)
Nessun commento.
Per lasciare un commento devi essere registrato .