STORIA, CULTURA, ENOGASTRONOMIA Il Monferrato dai mille racconti, colori e sapori

STORIA

Quali sono le origini del Monferrato? La leggenda narra che l'imperatore Ottone I di Sassonia concesse a un giovane cavaliere di nome Aleramo tante terre quante ne riuscisse a percorrere cavalcando senza sosta. Il territorio che percorse è l'odierno Monferrato, il cui nome deriva da "monte fertile", "mattone ferrato" e da "monte coltivato a farro", e il cui anno di nascita risale al 967.

Il Monferrato nel corso dei secoli ha ricevuto profonde influenze culturali, in quanto i marchesi si imparentarono con le casate reali di Francia, Gerusalemme, Bisanzio e di Spagna. 

Tuttavia, l'impronta culturale più radicata fu impressa dai Savoia a partire dal 1708 quando si impossessarono del marchesato del Monferrato: è in questo momento che termina la secolare indipendenza del marchesato e il ruolo di capitale di Casale Monferrato. 

Negli ultimi tre secoli, il Monferrato seguì le vicende del Regno di Savoia: le Guerre Napoleoniche, il Risorgimento, il Regno d'Italia e della Repubblica Italiana. La regione visse momenti particolamente difficili durante la Seconda Guerra Mondiale, poiché fu vittima di numerosi bombardamenti anglo-americani e di violente deportazioni di ebrei da parte del regime nazi-fascista. Fu grazie all'audace resistenza dei partigiani che resistette. 

In seguito alla guerra mondiale, il Monferrato ricostruì la propria immagine, puntando quasi totalmente sulla valorizzazione del territorio e dei suoi prodotti tipici, e sull'esportazione della propria cultura enogastronomica a livello internazionale. 

La fascino del Monferrato è frutto di un racconto che mischia storia e leggenda, che narra le incredibili gesta di personaggi misteriosi, di cui si conosce poco e non si ha la certezza che siano realmente esistiti o siano solo i protagonisti delle leggende popolari, tramandate di generazione in generazione. Fatto sta che i racconti sul Monferrato suscitano curiosità, mistero e interesse, sia che si tratti di storia vera che di leggenda.

 

CULTURA

Il Monferrato possiede un patrimonio culturale ricchissimo: in ogni borgo è possibile vedere, visitare e ammirare importanti strutture architettoniche e artistiche, antichi castelli, musei, chiese, edifici storici che nel tempo si sono conservati o sono stati ristrutturati. Si tratta di costruzioni che attraversano la storia a partire dal X secolo fino XX secolo.

Numerosi sono i personaggi che hanno costribuito allo sviluppo artistico e culturale del Monferrato, tra questi ricordiamo: Gian Giorgio Alione (poeta, scrittore e drammaturgo del '400); Angelo Brofferio (giornalista, politico e deputato del Risorgimento); Macrino d'Alba (pittore del Rinascimento, le cui molteplici opere sono ancora ben custodite in musei piemontesi e statunitensi); Guglielmo Caccia (pittore soprannominato "il Moncalvo" per aver trascorso la giovinezza nell'omonimo comune monferrino); Filippo Juvarra (l'architetto barocco di Casa Savoia); Benedetto Alfieri (importante architetto che realizzò numerosi edifici in stile barocco) e molti altri. 

Dal punto di vista artistico e culturale, importanti sono anche le strutture architettoniche in cui domina l'arte romanica: nel Monferrato il romanico è piuttosto famoso e facilmente osservabile, soprattutto nelle numerose chiese distrubuite sul territorio. 

 

ENOGASTRONOMIA 

Il Monferrato è casa: sì, uno di quei luoghi in cui si percepisce il calore, la semplicità e i valori veri della vita. Il Monferrato è un luogo sociale in cui incontrare persone genuine, capaci di trasmettere ad altri le proprie tradizioni, la propria passione per la terra e la natura.

Qui è facile conoscere i prodotti enogastronomici del territorio grazie a contadini, produttori di vini o proprietari di agriturismo, con i quali potrai percorrere pezzi di strada lungo le dolci colline o tra i vigneti con un bicchiere di vino in mano o ti faranno assaggiare un nuovo piatto tipico della zona.

Il Monferrato è conosciuto in tutto il mondo per la sua enogastronomia ed è una terra ricca di prodotti pregiati, quali vini, tartufo, formaggi, nocciole, e di squisite specialità culinarie, conosciute e apprezzate in tutto il mondo. Tra queste troviamo sicuramente: gli agnolotti al plin, i tajarin (tagliatelle all'uovo condite con sughi vari), i risotti del Casalese, il riso ai funghi e il riso al vino rosso, la polenta con merluzzo fritto, la bagna cauda, la trippa, gli zampini, la coda di bue, il salame cotto, il vitello tonnato, il bollito di carne, il fritto misto alla piemontese. Tra i dolci annoveriamo il bonet, tipico e delizioso budino a base di cacao, uova, latte, liquore e amaretti secchi; la panna cotta; i krumiri, biscotti tipici di Casale Monferrato. 

Ti è venuta l'acquolina in bocca? Bene, non ti resta che partire per il Monferrato!

SCOPRI LE ESPERIENZE ENOGASTRONOMICHE NEL MONFERRATO